domenica, febbraio 07, 2010

Una vecchia specchiera, morijio e varie

(Il mio 招き猫 maneki-neko rosso mentre, con l'aiuto dei morijio, tenta di mandar via vecchi spiriti maligni. Tutte le foto di questo articoletto sono opera mia).

Una crescente mole di lavoro universitario ed improvvise temperature glaciali sono i fattori che principalmente hanno contribuito a farmi assentare dal blog.

La montagna di materiale da studiare non accenna a diminuire, e le severe temperature di febbraio continuano a promettere ondate di gran freddo, soprattutto di notte.

Pur tuttavia, ci tenevo a pubblicare qualche aggiornamento.

Alcuni giorni fa ha persino nevicato! La soffice coltre bianca ha silenziosamente ricoperto il Kanagawa e Tokyo, sorprendendomi con un brillante spettacolo notturno fatto di tetti candidi; di strade su cui regnavano neve fresca, neve acquosa ed inconfondibili tracce di pneumatici che lasciavano intravedere il grigio scuro dell'asfalto bagnato; di alberi dai rami pesanti e che, di tanto in tanto, lasciavano cadere mucchietti di quella neve cosi' pura; di un'atmosfera quasi surreale dove distanti rumori ovattati si mischiavano ad un silenzio onirico.

Era troppo buio pero' per poter scattare foto senza flash, e cosi' ho dovuto aspettare fino alla mattina seguente per tentare d'immortalare un po' di questa furtiva neve.

Ma un timido sole aveva gia' iniziato la sua inesorabile opera di scioglimento. Pero' sono stata lesta con la mia Canon, ed ecco qua:


Dopo molto tempo, ho finalmente rivisto la mia amica Sakura. I suoi occhi sinceri e il suo sorriso rassicurante erano sempre gli stessi, pronti ad accogliermi con lo stesso affetto di sempre.

Insieme avevamo deciso di andare a curiosare in due negozi di antiquariato che le erano stati consigliati da alcune amiche. E cosi', armate di entusiasmo e voglia di scoprire, siamo andate ad ammirare vecchi mobili, libri, vasellame e stampe.

Uno di questi negozi, pero', non mi era nuovo. Sakura pero' non vi era mai stata, e cosi' ho potuto farle un po' da guida, aiutandola a scoprire alcuni degli angoli nascosti di questo enorme magazzino / negozio stracolmo di antichita' non solo giapponesi, ma anche europee.

E a proposito di questo negozio, mi e' successo un fatto assai curioso: verso la fine di dicembre vi ero andata a ficcanasare un po' qua e un po' la', in compagnia di mio marito, senza pero' essere alla ricerca di qualcosa in particolare. Quasi all'improvviso, pero', la mia attenzione e' stata attirata da una vecchia specchiera che se ne stava, buona buona, tra un enorme incensiere di terracotta smaltata ed un leone d'ottone.
La specchiera era un autentico 鏡台 kyoodai degli anni Cinquanta, ed era in condizioni a dir poco immacolate!
I kyoodai sono le tradizionali specchiere giapponesi che, soprattutto un tempo, venivano usate dalle donne non solo per specchiarsi, ma anche per riporvi cosmetici e belletti vari dato che quasi sempre questi mobiletti hanno anche uno o piu' cassettini.

Senza perdere altro tempo, mi sono messa subito a cercare il prezzo che purtroppo, pero', non c'era. E stando a quanto mi ha detto il commesso a cui ho immediatamente chiesto lumi, tutti gli articoli senza prezzo non possono essere venduti fino a quando i rispettivi proprietari non decidano di stabilirne uno nuovo. Questo negozio e' in realta' un grosso mercato al coperto dell'antiquariato dove vari venditori indipendenti partecipano portando oggetti assortiti.

Me ne sono quindi andata un po' delusa sapendo che, prima o poi, qualcuno sarebbe stato piu' fortunato di me.

Ma senza che me ne ricordassi quasi piu', il kyoodai invece era ancora li', quasi come se mi stesse aspettando. E questa volta c'era anche il prezzo, un prezzo stracciatissimo e che per pochi yen mi ha permesso di portarmi a casa questo splendido oggetto.

Ecco la parte inferiore del kyoodai:

Ed ecco i cassettini, accuratamente rivestiti all'interno con della vecchia carta giapponese blu e bianca:

Quest'oggetto, pero', aveva una sorpresa per me: dentro quei cassettini, infatti, era sistemata una collezione composta da diciassette (i giapponesi amano i numeri dispari) vecchi
手ぬぐい tenugui, ossia panni tradizionali usati in vari modi, per esempio a mo' d'asciugamano, canovaccio, foulard, ecc.
I tenugui erano stati piegati e sistemati in maniera molto ordinata e metodica; alcuni di questi erano stati addirittura avvolti in un sacchetto di nylon quasi come a volerli ulteriormente proteggere dagli effetti spietati del tempo che passa.

Ecco alcuni dei tenugui trovati in quei tre cassettini:
Colori e decori che trasmettono un'atmosfera di un'altra epoca.




Potessi, starei ore ad ascoltare Sakura. Ha sempre mille aneddoti da raccontarmi! Sono brevi storie che spesso narrano di fantasmi e mostriciattoli i quali, secondo leggende di chissa' quanto tempo fa, continuano ancora oggi ad infestare paesini, templi e vecchie case.

Oppure sono forse solo spiritelli che alloggiano nei vecchi oggetti e che magari decidono di seguire i nuovi proprietari di quel libro, di quella statua, di quel vaso, oppure di uno specchio.

Anche qua in Giappone esistono storie che narrano di fantasmi degli specchi, e Sakura sembrava davvero convincente mentre me ne parlava. Naturalmente, non mi ci e' voluto molto prima di cominciare ad avere un po' paura; d'altra parte, mi ero appena portata a casa uno specchio di piu' di sessant'anni fa!

Ma Sakura mi ha consolata dicendomi che sarebbe bastato ripulire a fondo lo specchio, lavare i tenugui che vi erano all'interno e purificare l'oggetto con dei 盛り塩 morijio.

Il sale e' un elemento molto importante nella cultura giapponese, e non solo in campo gastronomico, ma anche in quello culturale e soprattutto spirituale. Al sale, infatti, vengono attribuite proprieta' purificatorie. Se avete mai assistito ad un incontro di 相撲 sumoo (in televisione o dal vivo) avrete sicuramente notato come i 力士 rikishi (lottatori di sumo) spargano generosamente del sale sul 土俵 dohyoo (ring per il sumo) prima dell'incontro.
Ebbene, il sale anche in questo caso ricopre un ruolo purificatorio e propiziatorio.

Da secoli, inoltre, esiste una credenza secondo cui una montagnola di sale messa nell'ingresso o davanti al proprio negozio (soprattutto ristoranti e botteghe di alimentari) servirebbe ad attirare clienti e a portare un'ondata di prosperita' alla propria attivita'.

Il rito del morijio affonda le proprie radici nei secoli, arrivando fino alla vecchia Cina. Una leggenda racconta di un imperatore cinese che aveva a sua disposizione tremila concubine. Ogni sera, l'imperatore percorreva la strada principale che attraversava il villaggio dove risiedevano le sue concubine, e sceglieva cosi' la compagna con cui avrebbe trascorso la serata.
L'imperatore, pero', non andava di certo a piedi, ma utilizzava una carrozza trainata da alcuni buoi.
Ebbene, una delle concubine - una donna particolarmente scaltra - scovo' un metodo per far si' che l'imperatore scegliesse lei ogni giorno: sapendo della passione che i buoi hanno per il sale, inizio' a sistemare piccole montagnole di questa sostanza proprio davanti la porta di casa sua. I buoi, quindi, venivano puntualmente attratti dalla montagnola di sale e cosi' conducevano l'imperatore sempre davanti la casa di questa astuta concubina.

Alcuni studiosi giapponesi moderni, pero', sostengono che in questa leggenda non vi sia nulla di vero. Resta infatti da stabilire come quest'usanza sia approdata fino qui, ma soprattutto come abbia fatto il sale ad assumere questo rispettatissimo ruolo purificatorio.

Al giorno d'oggi, il morijio si trova appunto davanti ad alcuni ristoranti tradizionali giapponesi e botteghe d'alimentari. Nelle case, secondo quanto mi diceva Sakura, il morijio si utilizza nei casi in cui si senta il desiderio di purificare l'ambiente e di tener lontani spiriti cattivelli e dispettosi.

Sakura, quindi, mi consigliava di preparare un paio di morijio da sistemare proprio sul kyoodai in modo da scacciare eventuali spiriti legati a quest'oggetto.

E cosi' ho seguito il suo consiglio.
Spesso i morijio vengono modellati in modo da farli assomigliare a dei coni rovesciati. Esistono addirittura dei negozi che vendono le formine da morijio, ma secondo me non sono affatto necessarie; e' sufficiente, infatti, munirsi di un po' di sale (quello marino si modella meglio perche' e' piu' umido), un cucchaino, un paio di forbici e del cartoncino oppure della carta normale.
Io ho usato un volantino pubblicitario; l'ho tagliato a meta' e ho formato due piccoli coni che ho poi riempito fino all'orlo di sale.
A questo punto, e' necessario capovolgere il conetto pieno di sale sopra un piattino et voila'!
I miei morijio ora stanno non solo purificando la specchiera, ma mi stanno regalando un tocco di una semplice ed antica tradizione giapponese che, se vorrete, potrete portare anche nelle vostre case.

13 commenti:

luby ha detto...

complimente per l'acquisto, decisamente bello nella sua semplicità.
grazie per il racconto mi è piaciuto molto.
e se provo anche io a mettere dei conetti cos carini?
^_^

biancorosso ha detto...

Ciao Luby,
Grazie di essere ritornata a trovarmi! :)

Puoi provare anche tu a preparare uno o due morijio da mettere in casa! Come gia' sai, sono piccoli talismani purificatori e propiziatori, quindi male non fanno. ;)

Se usi del sale marino, vedrai che sara' facilissimo modellarlo; se il sale che userai dovesse essere un po' secco e difficile da modellare, ti bastera' solo spruzzarci sopra un po' d'acqua fredda. Per facilitare le cose, prova ad usare una bottiglia spray (tipo quelle dei prodotti per pulire i vetri) cosi' riuscirai a spruzzare l'acqua in modo uniforme sul sale.

Ciao Luby, un saluto!

Selena ha detto...

mmmm io vivo da 3 anni in una casa con mobili dei primi del '900 ... mi sa che devo purificarli un po', hanno un sacco di storia da raccontare.

Una nuova lettrice ;) interessata anche a qualcosa nel bazaar :)

Selena (da Parma)

acquaviva ha detto...

anche in Italia il sale ha in diverse tradizioni regionali delle valenze purificatrici e propiziatorie...
E a proposito di sale: ho sentito che il giapponese il termine che indica la cura da dedicare ad un bebè è lo stesso che descrive la mano che raccoglie un pizzico di sale perchè in entrambi i gesti sono contenuti grazia, attenzione, dedizione e delicatezza. Ha un senso quello che dico?

marzia ha detto...

Ora ci provo anche io, preparo subito dei morijio da mettere nel ristorante di mio padre, ma devo metterli fuori dall'ingresso oppure va bene anche nel bancone del bar??
;-)

~AeLux ha detto...

Ciao Mari!
Sono Valentina, quella ragazza che ti ha chiesto informazioni sul vasellame giapponese. Finalmente ho creato un account Blogger, ho intenzione di iniziare un piccolo blog anche io e finalmente posso commentare qui!

Bellissima la leggenda del sale. credo che un pó in tutto il mondo il sale sia considerato, in qualche modo, purificatore...mi sa tanto che proveró anche io a fare quei conetti, se non altro perché sono carinissimi!

Posso aggiungere Biancorosso alla lista dei miei blog preferiti?

Mata ne!

Romy ha detto...

Il tuo blog è sempre più bello, più ricco....è un'emozione, venirti a trovare qui,davvero, sempre! Oggi ti ho anche citata, grazie ad una ricetta che hai postato tempo fa...Ti mando un saluto affettuoso, e ancora complimenti! :-) Romy

Elena ha detto...

Mi sono sempre chiesta il significato di quei conetti di sale, grazie per la spiegazione! Anche se qui a Tokyo non se ne vedono tanti!
Un caro saluto,
Elena (Ti leggevo già in Italia e ora ti leggo con piacere in Giappone!)

Anna lafatina ha detto...

Bellissimo mobiletto e bellissima tradizione di purificazione.
Il racconto degli spiritelli mi ha fatto tornare in mente la paura di mia nonna per gli specchi.
Lei non si specchiava mai, si pettinava addirittura senza mai farlo (e si faceva un chignon perfetto!) e ci rimproverava aspramente se andavamo a specchiarci dicendoci che lì dentro abitava il diavolo che aspettava che qualcuno si specchiasse per rubargli l'anima e il destino! Soprattutto durante la notte. Ancora oggi se passo davanti ad uno specchio e c'è buio mi ricordo i suoi racconti e i suoi rimproveri e mi viene un brividino.
Inoltre nella mia nuova casa "sento" (non chiedermi come) la presenza di qualcuno che non è d'accordo che io sia lì e credo che preparerò i miei morijio. Ti farò sapere!

Federica ha detto...

Sono semplicemente incantata dal tuo blog, adoro il giappone e le sue tradizioni e poterne conoscere tante da chi le vive quotidianamente mi sembra un vero privilegio.

Pensa che coincidenza..proprio questa mattina,presa da un attacco di malinconia, ho pubblicato sul mio blog delle vecchie foto fatte in un viaggio in giappone..e adesso..trovo te! Non posso far altro che iscrivermi e seguirti ogni giorno!

Complimenti.

Artemisia Comina ha detto...

grazie della visita istruttiva al mio blog, marianna :)) forse il merito è di acquaviva? ho messo biancorosso tra i miei link, perchè le domande sul giappone ci saranno anche in futuro ;)
buona giornata da una roma unita a tokio dalla neve del tutto eccezionale di pochi giorni fa.

Paola ha detto...

Trovo molto belli anche i tenugui. Se non ci separassero un continente ed un oceano, temo che non resisterei alla tentazione di venire a farti visita per aprirli ed ammirarli uno per uno! Mi ricordano i "mandilli" (fazzoletti) tradizionali genovesi che mia nonna usava un po' per tutto. Un saluto affettuoso.
Paola (Uscio)

Tizy ha detto...

Perché no? Si potrebbe provare a farlo pure a casa e metterli come preziosi gioielli non lo direbbe nessuno che s tratta di sale!