martedì, dicembre 13, 2011

Quel che resta


(A sinistra: Oshooyu, asazuke no mono, i miei saibashi, ed una tazza blu del Kanagawa).

Da quando ho lasciato il Giappone e da quando la mia vita e` stata stravolta e capovolta a trecentosessanta gradi, mi trovo abbastanza spesso a sentire la nostalgia della mia cucina a casa, nel Kanagawa.

Quella cucina era per me un luogo di tranquillita` innanzitutto, di grande creativita`, di voglia di sperimentare con ingredienti e utensili, di curiosita` ed allegria.

Era una cucina molto ampia, luminosa e tranquilla. Quasi tutte le sue finestre si affacciavano sul verde, tranne alcune da cui vedevo un sentierino che separava casa mia da quella dei miei vicini.

Nella mia libreria in salotto conservavo gelosamente una grande collezione di ricettari giapponesi, molti dei quali non utilizzavo ma amavo semplicemente sfogliare, leggere ed apprezzare per i propri contenuti e fotografie.

Non sono una grande esperta di cucina, ma forse solo una curiosona un po` pasticciona che ama addentrarsi in una cultura grazie anche ai sapori che questa ha da offrire a chi ha il desiderio di assaggiarli.

L`impermanenza di cio` che ci circonda, pero`, ritorna ogni tanto con grinta a ricordarci che c`e` ben poco di eternamente durevole.

Gente che esce dalla tua vita con la stessa velocita` e facilita` con cui ne era entrata a far parte; luoghi e suoni che prima ti erano famigliari come la tua pelle e che ora invece sono distanti, anche se ancora tenacemente presenti nel cuore.
Quel che resta e` a meta` tra il prezioso e il malinconico. Prezioso perche` e` l`essenza, il succo di cio` che avevamo e di cui ora e` rimasto un concentrato...la parte che forse conta di piu`!

Quel che resta e` come un attar di rose.

Malinconico perche` ad esso e` legata inevitabilmente la memoria di cio` che fu e non e` piu`.

La fragilita` che caratterizza l`esistenza umana mi ha mostrato il suo volto, e dopo aver fatto cio` e` stata li` a guardarmi mentre tutt`intorno a me c`era solo distruzione.

Ora nelle tazze da te` rimane solo il ricordo del mio batticuore quando, nei miei pomeriggi di ritorno da lezione in Giappone, passavo alla Seims a prendere del buon sencha o hoojicha in foglie.
Il ricordo di un delicato sole pomeridiano che, bighellonando per i vicoli di Sagamihara, mi aspettava pero` pazientemente sul muretto del supermercato per poi riaccompagnarmi giu` giu` per la Zama Kamijuku 座間神宿 fino a casa.

Bacchette che ora non stanno piu` prendendo parte ai miei esperimenti culinari, ma che per adesso se ne rimangono chiuse in una credenza qui, in una casa come tante, in un quartiere come tanti, nella periferia di Torino.
Alla cucina giapponese che preparavo, che respiravo in Giappone, che assorbivo tramite i racconti delle mie amiche e le pagine dei libri, associo molto di piu` di un buon sapore ed una presentazione gradevole alla vista: cucinare washoku era un momento di pace, di pura creativita`, di contatto con origini che non ho, di calma e gioia.

Questo e` il motivo che ora fa si` che il solo pensiero di voler rimettermi ai fornelli per preparare qualcosa di nipponico a me cosi` caro mi laceri il cuore di dolore.
Non ci riesco. Ci ho provato e ogni volta con risultati passabili, ma perche` manca quella serenita` che ora non c`e`. Nel cuore mi porto la pesantezza di un grande dolore e delusione, dello smarrimento che si prova nel trovarsi tra le macerie costretti a rimettersi in piedi per ricostruire tutto.
Tra le mie cose ho ancora il prezioso ricettario per bento che mi regalo` Saku-chan prima di lasciare il Giappone. Era il suo ricettario personale di quando si e` sposata e aveva bisogno di qualche dritta su come preparare un buon o-bentoo per suo marito e per se`.
Lo sfoglio e lo risfoglio. Ne leggo le ricette, i consigli, le curiosita`, ma la mia mente e` come se fosse in uno stato di semi-trance in cui ogni cosa mi appare ancora cosi` surreale.
E sempre tra le mie cose, conservo ancora due tradizionalissimi o-bentoo-bako お弁当箱 di legno e che mi feci fare appositamente da alcuni artigiani in Giappone, qualche settimana prima di partire. Non ve li ho mai mostrati, ma spero di farlo presto.
Ogni tanto, ma solo ogni tanto, li vado a mirare e rimirare nelle loro scatole e puntualmente ogni volta mi riprometto di dar loro la possibilita` di svolgere la funzione per cui sono stati creati.

Allora riprendo in mano il mio ricettario, ne sfoglio le pagine, sento una stretta al cuore, la malinconia mi attanaglia, e il dolore mi fa venir voglia di chiudere il libro e riporre tutto via nel cassetto della memoria.

Piano piano usciro` da questa gabbia invisibile prima o poi e se Dio vorra`.

Forse superero` anche questa, proprio come ho superato il timore di rimettermi a scrivere.

15 commenti:

Blog.Nadeshiko.it ha detto...

Sono certa che sì, superarai anche questa. :)

luby ha detto...

Siamo persone e come tali fragili ma all occorrenza anche forti!
Io questo natale voglio rifare un dolce tipico delle mie parti e gia' so che tra gli ingredienti cadranno lacrime...
Passa , tutto passa.
Un abbraccio

CriCri ha detto...

Quando qualcosa o qualcuno ci lacera l'anima è solo il tempo che curerà quelle ferite. Nel mentre malinconia e timore ci accompagnano verso la fine di questa tortura, quando il dolore sarà sopportabile e si sarà trasformato solo in un triste ricordo. La vita ci avrà riservato altre storie, altre persone ed altre gioie. Ma nel mentre si può solo aspettare certi che presto finirà..
io ti auguro che il cammino per la tua serenità giunga presto al traguardo!
Bacini CriCri

Mimì Momo ha detto...

possiedi una forza che nemmeno tu sai di avere. ho letto di te attraverso gli anni e ho visto una donna caparbia, entusiasta mai arrendevole. sono sicura che supererai la confusione, il dolore e lo smarrimento che ora ti circondano. Scrivere ti aiuterà, a mettere giù a questi sentimenti per poterli superare. che ti manchi soprattutto la cucina è comprensibile, assimiliamo una cultura diversa innanzitutto dalla sua cucina, e i suoi profumi ti riporteranno sempre in quei luoghi col la mente e col cuore. ora non ci riesci ma tornerai a cucinare. un consiglio: non farlo da sola, cucina con una persona a te cara, insegnale qualche buon piatto e senza accorgertene, ti rilasserai, ti divertirai, tornerai.un abbraccio forte.

Nily ha detto...

Ne sono sicura, ce la farai. Ti abbraccio veramente tantissimo. ♥

Rosita ha detto...

ciao cara
è un pò che seguo il tuo blog
oggi ho letto il tuo post
e leggo tatnta
tanta nostalgia
assolutamente comprensibile, vista la bellezza del Giappone in tutte le sue forme, nella sue tradizoni, nelle sue città ...in tutta la sua cultura che rispetto e mi affascina molto
fai parte di un popolo che ha già sofferto tanto, ma con tanta forza e volontà nel cuore, è risorto sempre sul male

confida pienamente, e affida tutti i tuoi traumi, problemi, ricordi e nostalgie al Signore, e una volta che tu hai affidato tutto ciò che nn ti permette al momento di spiccare il volo a lui, devi mettere tutto da parte e andare avanti
non devi fare in modo che tutto intorno prenda il sopravvento e diventi + importante di DIO...sennò nn va bene
e ricordati che il Signore i è vicini sempre, e aspetta solo di essere chiamato dal nostro cuore pe entrarvi
ti abbraccio
e forzaaaaaaa

Rosita ha detto...

oggi qui è Santa LUcia...la Santa della LUce
è il giorno adatto per uscire dalle tenbre e andar verso la LUce, verso Dio co il tuo cuore e tutta te stessa

ti abbraccio

Hana ha detto...

Sono sicura che un giorno la magia ritornerà e saranno tutti quei tesori a renderla possibile.
Piano piano sono sicura che la serenità della cucina washoku tornerà a far parte della tua vita!
Te lo auguro di tutto cuore.

Un grande abbraccio

Ruru -chan

Muslima ha detto...

Un giorno ci preparerai, a me e a Mim, qualche dolcetto giapponese... Promesso??? Magari ti accorgerai così che la gabbia non c'è, ma che era solo una tendina da scostare con la mano... :*

Bunzigirl ha detto...

Se ti capita di scendere a Roma sei la benvenuta.Magari davanti ad una tazza di tè sentcha bollente^__*

Hilary Star ha detto...

A volte la gabbia in cui viviamo è solo qualcosa che esiste nella nostra mente e che solo noi vediamo, ma immaginaria o no, il potere che esercita su di noi è fortissimo. Non lasciare che porti via la tua serenità e trasformi i tuoi preziosi ricordi in momenti dolorosi... le belle esperienze del passato dovrebbero farci sorridere e mai piangere.
Un abbraccio!

S ha detto...

coraggio! un grandissimo abbraccio!!

luby ha detto...

passo di nuovo per augurarti serene feste!

MadameRenard ha detto...

Cara, che sorpresa venire qui e scoprire che sei tornata!
tempo fa eri sparita, volevo contattarti, ma non avevo più la tua mail.
ho scoperto che tante cose brutte ti sono successe e mi spiace davvero tanto :(
per adesso ti abbraccio e sono contenta di poterti leggere ancora.
ciao
Uvafragola (ti ricordi ancora di me?) che è diventata MadameRenard, nel frattempo.

Camilla Stella ha detto...

Ti ho scoperta mentre mi stavo innamorando del Giappone e poi tutto ad un tratto...il tuo blog mi manca ancora adesso e ogni tanto vado speranzosa a vedere se ci sono novità. Dopo tutte le piccole cose filtrate da te in Giappone ci sono andata veramente ed è stata una conferma: nel cuore per sempre. Passeggiando per Tokyo raccontavo di te alla mia famiglia. Grazie e buona fortuna