venerdì, ottobre 14, 2011

Una gemma di nome Akiko-chan.

(Questo che vedete a lato è un maneki-neko molto speciale. Se volete sapere il perché, per favore leggete questo articoletto).

Era già passato più di un anno dall'ultima volta in cui vidi Akiko-chan, in Giappone, in quella caffetteria dentro la stazione di Sagamino.

Un anno lungo, interminabilmente lungo e spinoso. Una strada in salita, ricoperta da sterpi ed ostacoli di ogni genere. Lacrime a profusione, preoccupazioni a iosa, ed innumerevoli speranze riposte in un possibile raggio di sole.

Grazie a Dio, qualche preziosissimo raggio di sole nella mia vita è arrivato pure nel corso di questo anno così spigoloso. Anzi, forse è proprio nei periodi più travagliati che si presentano splendenti i raggi più luminosi.

Uno di questi raggi è stata la visita di Akiko dal Giappone.

Chi di voi segue questo blog da qualche tempo sa che Akiko è stata ed è una mia grande amica. Un'amica che mi è dispiaciuto immensamente aver dovuto salutare e lasciare.

Eppure, il destino mi ha riportato Akiko...e me l'ha portata fino qui, a Torino!

L'emozione che ho sentito è stata tale da non essermi nemmeno resa del tutto conto del fatto che di lì a poco avrei rivisto ed abbracciato una delle persone più care che io conosca.
Mi sembrava di essere in un sogno, in quell'atmosfera surreale e in cui la piena consapevolezza di ciò che ci circonda si smorza ed affievolisce.

Ero lì, in piedi, nella sala degli arrivi al tranquillo aeroporto di Torino e nella mia mente correvano veloci ricordi e pensieri quando...da dietro le porte a vetri ho intravisto la sagoma inconfondibile di Akiko: la sua figura esile e i suoi lunghi capelli neri legati a coda di cavallo, e le due ciocche di capelli che - a mo' di ciuffo - le accarezzano le guance.
Era lei!!

Un abbraccio interminabile e lacrimine tenute a stento ci hanno riunite, finalmente!

Non mi sembrava vero.

La guardavo con occhi increduli. Il suo volto, a me così caro, mi era famigliare in Giappone e quindi guardarla mi creava l'illusione di essere nuovamente in quella bella terra. Invece no. Ero a Torino, a millemila chilometri di distanza dal mio caro Kanagawa.

Ancora abbracci, poi sempre più lacrime però questa volta non represse. Un intreccio di sorrisi, carezze sul volto, occhi lucidi, sorrisi. Giapponese ed italiano che si mischiavano armoniosamente, facendoci ritrovare improvvisamente quell'equilibrio che condividevamo a casa, nel Sol Levante.

Quanti doni mi ha portato, la dolce Akiko! E ognuno di esso si è portato dietro una ventata che profumava di Giappone...non scherzo!

Quando, dalla sua valigia, Akiko-chan ha tirato fuori questo maneki-neko per regalarmelo, non ce l'ho fatta e mi sono lasciata andare ad un pianto quasi singhiozzante.

Questo delicato micetto di porcellana conserva in se il ricordo di un'amicizia e di una giornata trascorsa insieme ad Akiko.

Eravamo andate ad una delle tante fiere d'antiquariato a cui partecipavamo insieme, e più precisamente questo giorno qui, quando tra i tanti banchi di antiche meraviglie io vidi questo maneki-neko che se ne stava sorridente sopra una mensola di vetro impolverata. Il suo padrone era un signore anziano, un antiquario espansivo e che amava molto chiacchierare con tutti quelli che si mostravano interessati ai suoi oggetti.
Sapendo del grande amore di Akiko per i gatti, le feci subito vedere questo maneki-neko simpatico e particolare. Particolare perché, a differenza del maneki-neko classico e che appare quasi sempre nella sua storica posa (v. questo mio maneki-neko), questo gattino ha le zampine congiunte.

Non so, ma fu proprio questo particolare ad affascinarmi e a farmi amare a prima vista questo micetto. Volevo a tutti i costi che questo gattino andasse con Akiko e le facesse compagnia.

Akiko, innamoratasi anche lei di questo dolce felino, volle acquistarlo e portarlo a casa.

Ogni tanto ne parlavamo e sorridevamo sempre al solo ricordo di quel gattino così buffo e tenero, con le sue zampine congiunte.

E' rimasto da lei, nella sua casa, per tutto questo tempo...fino a tre giorni fa quando Akiko me l'ha portato in dono raccomandandosi col micetto affinché d'ora in avanti rimanesse con me a Torino, a farmi compagnia.

Ripenso alle sue parole in questo istante e avverto la voglia di piangere dalla commozione.

Sempre in ricordo di uno dei nostri tanti giri per i mercati di cose antichi, mi ha portato una rivista intitolata Seikatsu, del decimo anno dell'era Shoowa, ossia del 1935!

L'avevamo comprata insieme questa rivista, al mercato dell'antiquariato di Machida e che ogni secondo sabato del mese aveva (e ha tutt'ora) luogo nel cortile di un santuario shinto.
Ricordo che anch'io comprai un numero di questo affascinante Seikatsu di cui un signore ne aveva una cassetta piena!
E Akiko mi ha portato il suo Seikatsu...e nella foto io l'ho messo vicino al giglio di origami che ha fatto per me e la mia famiglia.

Un magnifico libro su Tokyo e l'antica Edo: Edo Sanpoo Tokyoo Sanpoo. Una gioia per i miei occhi assetati di queste meraviglie.


E tanti deliziosi wagashi e di cui sentivo esageratamente la mancanza... mi mancava la sensazione tattile che si prova nello sfiorare gli incarti che avvolgono le scatole dei wagashi.

Kamome no tamago (uova di rondine) è il nome di questi wagashi delicatissimi che mi ha portato Akiko. Quelli nella scatola gialla sono in edizione speciale, creati appositamente per l'autunno e infatti sono ripieni di castagne.


Dolcetti di pasta lievitata e modellati a forma di uovo. Un ovetto ricoperto di uno strato sottilissimo di cioccolata bianca.


Dorayaki, daifuku e manjuu alla castagna.

...e una graziosissima penna di Doraemon con i suoi amati dorayaki!

Pocky alla panna e biscotti, Toppo alla fragola e cioccolatini al matcha e latte.

Ho girato e rigirato ogni singolo pezzo fra le mani, assaporandone i colori, gli odori e i ricordi che ognuno di questi era in grado di rievocare in me.

Saporitissimi o-senbei confezionati in una scatola avvolta da un disegno di foglie d'acero, eseguito a mano, in onore dell'autunno.

Foglie di momiji nate sulla carta da delicate pennellate di vermiglio e marroncino...

Gli o-senbei nella loro confezione:

Tra gli o-senbei non potevano mancarne alcuni a forma di momiji...

Il sapore intenso dei croccanti o-senbei mi ha riportata istantaneamente per i vicoli di Asakusa. Mi ha riportata, con i ricordi, a casa mia nel Kanagawa quando mi piaceva sgranocchiare un o-senbei la sera, magari guardando fuori mentre un altro giorno volgeva al termine.

Quell'abbraccio fra salsa di soia, alga nori tostata, semi di sesamo e farina di riso è una delle combinazioni di sapori più nostalgiche che io conosca.

Tra i doni di Akiko, anche questo delicatissimo e giapponesissimo porta-incenso:

...e dell'incantevole carta da origami.

...e con uno di quei coloratissimi fogli, Aki-chan ha creato questo giglio.

Insieme abbiamo passeggiato per le vie di Torino; abbiamo assaporato il profumo del Po in questo periodo dell'anno, la fragranza degli alberi del Valentino, l'aria frizzante di Superga.

Ho potuto far vedere ad Akiko una parte del mio quartiere, il piccolo alloggio in cui vivo assieme alla mia famiglia, il cortile di casa dove giocavo sempre da bambina, la scuola materna ed elementare dove andavo da piccola. Ho potuto renderla partecipe delle mie radici, del posto in cui sono nata e cresciuta e di cui le avevo parlato così tante tante volte, assieme ad un caffè e qualche biscotto nella mia cucina in Giappone.

Quei suoi occhi scuri così espressivi, così profondi e brillanti sanno essere più eloquenti di una cascata di parole. Mi basta guardarla e scambiare con lei qualche sguardo imbevuto di complicità per ritrovare quell'intesa che ci lega.

Abbiamo parlato di tanto, di tutto. Della sua vita, della mia vita, di ciò che è irrimediabilmente cambiato e di ciò che ancora è così.
Abbiamo parlato dei vari raggi di sole che hanno illuminato la sua vita e la mia.
Abbiamo rievocato i tanti momenti condivisi insieme in Giappone, le nostre lezioni del pomeriggio, le nostre ricette preparate insieme.

Vederla andare via è stato doloroso, ma credetemi se vi dico che dentro di me sentivo un qualcosa che m'incoraggiava a non disperare perché l'avrei rivista presto.

E allora io sorrido felice. Ripenso alla nostra cena al Bistrot Turin di Via Po, al nostro giro alla Libreria La Bussola, alla sua dolcezza nel chiamarmi "Mari-chan", ai suoi regali così pieni d'affetto ed imbevuti della fragranza del Giappone...e allora sorrido.

Sorrido.

E il cuore mi si alleggerisce.

16 commenti:

rompina ha detto...

che bel racconto! sorrido anche io di rimando, vorrei aver passeggiato con voi per Torino! ^_^ sono contenta per te, le cose belle sono un balsamo per il cuore :)

valina ha detto...

Che meraviglia...ammetto d leggere molto raramente i post dei blog, guardo le immagini e nulla di più...i tuoi mi rapiscono completamente..come se mi portassero in un altro stato d coscienza...in un mondo a sè...

Hana ha detto...

Mi sono commossa mentre leggevo ç_ç
Sono davverto tanto tanto felice che Akiko san sia stata un così caldo raggio di sole per te e spero che ne vengano molti altri.

Un grande abbraccio

Ruru-chan

Nicla ha detto...

Questo racconto è malinconico e allegro allo stesso tempo. Sono davvero contenta per te. Non c'è cosa migliore dei veri amici per rinfrancarsi un po' l'anima.

Mami ha detto...

Che bella storia ^_^ Sono felice che siate riuscite a riabbracciarvi!

K and S ha detto...

so nice that your friend could visit you :)

S ha detto...

iiiih mi sono commossa, dai che sono in ufficio!! :,)

ragazza scrivi magnificamente, e che splendide foto!

tu ami il giappone ragazza mai, tornaci... non pensare a quello che di brutto hai lasciato li ma quanto di magnifico vi troverai ogni giorno!


comunque la tua amica Akiko-san è davvero una persona speciale, non può essere altrimenti, a giudicare dai magnifici regali che ti ha portato!

Blog.Nadeshiko.it ha detto...

Credo di poter immaginare la meravigliosa sensazione che si ha quando si incontrano amiche che abitano lontano!
Spero che tu abbia ricevuto la mia e-mail!
un abbraccio da un'Amica

riso mandorlino ha detto...

Dev'essere stata un'emozione stupenda, che ti ha permesso di recuperare alcune sensazioni che in questi mesi lontana dal Giappone erano magari apparentemente e solo in parte sfumate...ti ringrazio per questo racconto e ti posso dire che avendo letto in passato le pagine di biancorosso e leggendo questo post mi sono arrivate le stesse emozioni, le stesse sensazioni.. e mi sono commossa. Insomma grazie tante per averle condivise con noi,...un abbraccio a presto =)) Lys

Nily ha detto...

Il racconto dell'incontro con la tua amica Akiko-san mi ha commosso... Tra tutte le cose bellissime, quel Maneki Neko così particolare è la cosa che preferisco.

l'onorevole carpa ha detto...

Hai condiviso un bellissimo momento con noi, grazie.
Anche io mi trovo in na situazione simile alla tua,e ti sono davvero vicina :D
Un grande abbraccio.

Bunzigirl ha detto...

^__^

Nega Fink-Nottle ha detto...

Ti ho appena scoperta, ma so già che mi leggerò il tuo blog tutto d'un fiato!
Sei di Torino anche tu e hai il Giappone nella pelle e nel cuore, strepitoso!

Ho letto che hai passato momenti che difficili è dire poco... io l'anno scorso ho aperto il mio blog per aiutarmi a stare meglio e devo dire che è stato terapeutico, ha funzionato!
Spero che scrivere possa aiutare anche te e che il futuro ti riservi solo cose meravigliose. :)

Io purtroppo non so il giapponese, ma sto provando a studiarlo da sola. Chissà dove arriverò :)

Nel frattempo leggerò i tuoi post, nella speranza che mi portino un soffio di quella terra che amo così tanto ^__^

おやすみなさい。

aerie ha detto...

Bentornata!!
Ogni tanto tornavo a controllare se avevi ricominciato a postare e così ero molto contenta quando ho visto questo post!!
Però poi ho letto che hai passato un brutto momento, mi dispiace davvero moltissimo, spero che l'aiuto della tua famiglia e dei tuoi amici ti faccia stare meglio.
E a quanto pare una amica speciale ce l'hai, davvero dolcissima Akiko-chan!!
In bocca al lupo per tutto!!

Letizia ha detto...

Grazie per il tuo blog: i tuoi post sono davvero interessanti!
Ho messo un link al tuo blog sul mio blog di cerimonia del tè.
Se ti piacesse puoi ricambiare il favore.
Ti mando il link: http://cerimoniadelte.blogspot.com/ )
Spero di averti fatto una cosa gradita. Letizia

Giappone ha detto...

Una bellissima storia ^_^

Amo il Giappone