mercoledì, aprile 30, 2008

Sole & Sagiri

Il sole di oggi e l'aria calda che gia' si respira fanno da anteprima al torrido tormento che ci aspetta.

Uscendo di casa stamattina verso le nove, ho sentito un'ondata di calore che presagiva fronti imperlate di sudore e spossatezza.

Cio' nonostante, sono dovuta andare a Tokyo, fino alla banca della Mitsubishi a sbrigare una commissione per conto di Kelly che, come sapete, al momento e' ancora in Corea.
Fortunatamente sono riuscita a finire tutto prima delle dieci e mezza, e cosi' mi sono fatta una passeggiata prima di prendere il 急行 kyuukoo, ovvero il treno espresso per tornare a casa.

Con questo sole spaccapietre, e con questo cielo piu' limpido di un'acquamarina e' stato abbastanza sorprendente scoprire che alcuni treni, stamattina, hanno subito dei lievi ritardi per colpa della さぎり sagiri, ovvero della nebbia!

Alcuni giorni fa, mi sono cimentata in un piccolo esperimento culinario di cui, lo ammetto, vado molto fiera! Ho preparato il dado casalingo alle verdure, seguendo la ricetta trovata su questo blog!

In casa avevo un po' di verdure miste da utilizzare il prima possibile, avevo un bel barattolo capiente, del buon olio di oliva e una bella dose di buona volonta'. Quindi, come potevo non approfittarne?

Dopo aver letto per bene la lista degli ingredienti ed il procedimento della ricetta, sono rimasta un po' perplessa dalla presenza del miso.
Pare, pero', che il miso serva soltanto ad arricchire maggiormente il dado di sali minerali, senza pero' alterarne il sapore.

Nonostante cio', ho continuato ad osservare la ricetta con un briciolo di diffidenza poiche' essa prevede la cottura del miso, assieme agli altri ingredienti, per un'ora e mezza! La cottura del miso!
Abitando qui in Giappone, sono diventata un po' una purista del miso, un ingrediente che tratto con molta riverenza, senza mai strattonarlo od obbligarlo a ricoprire ruoli che non gli appartengono, primo fra tutti quello del subire addirittura una cottura cosi' prolungata.

Questa faccenda della cottura del miso e' stato lo scoglio che mi ha tenuta li' seduta al tavolo della cucina, col mento appoggiato ad una mano, un volto incerto che leggeva e rileggeva la ricetta, e con nell'altra mano il mouse.

Alla fine, ho ceduto alla curiosita' di assaggiare questo dado artigianale poiche', diciamocelo, i dadi industriali, il piu' delle volte, emanano degli odorini poco invitanti e che ci ricordano che gli ingredienti di cui sono fatti non sono sicuramente di prima qualita', e nemmeno di seconda.

Temendo che il miso potesse, comunque, cambiare troppo il sapore del dado, ho preferito utilizzare dello 白味噌 shiro-miso, ossia miso bianco. Questa e' la varieta' piu' delicata di miso che esista poiche' non solo ha un colore molto chiaro, ma ha anche un sapore leggerissimo che e' in perfetta armonia col suo aspetto.

Al di la' di cio', ho seguito la ricetta alla lettera. E comunque, non viene specificata la varieta' di miso piu' indicata, e a maggior ragione mi sono sentita autorizzata a virare in direzione del shiro-miso e non di altre varieta' dai sapori troppo decisi ed intensi.

La preparazione e' stata molto semplice. La parte forse piu' noiosa e' stata lavare e tagliare tutte le verdure, ma l'emozione e la curiosita' erano tali da non lasciarmi neanche il tempo di sbuffare o trovare scuse per distrarmi.

Quando il dado era ancora caldo, l'ho travasato nel barattolo che gia' avevo messo da parte, dopodiche' ho preparato una semplice etichetta bianca su cui ho scritto "Dado casalingo alle verdure -- La cucina di Mari".
Ho gia' messo alla prova il mio dado artigianale, preparando una minestrina che si e' trasformata in un piatto prelibato!

Nel caso v'interessasse seguire la ricetta del blog che vi ho segnalato, potra' esservi utile sapere che vi servira' un cucchiaio da minestra di dado artigianale per ogni litro d'acqua.

Il brodo preparato con questo dado era veramente delizioso, ben oltre le mie aspettative!
E chi li compra piu' i dadi al supermercato? Io no di certo!

E inutile dire che questo dado puo' essere usato in tutti i modi in cui usereste i dadi industriali, ossia come base per preparare brodi e zuppe, ma anche per insaporire piatti di carne, pesce, verdure.

E ieri, in un negozio ho trovato finalmente l'agar-agar! Pensereste che in Giappone sia facilissimo trovarlo, ma non e' cosi' a quanto pare. Comunque, ora so dove andarlo a cercare.
Assieme alle bustine di agar-agar che in giapponese viene chiamato かんてん kanten, ho comprato quelle tre graziose formine di metallo, per creare budini, gelatine alla frutta e quant'altro.

Adesso, finalmente, potro' cimentarmi anche nella preparazione della panna cotta senza la colla di pesce, e senza la gelatina di origine animale che e' un qualcosa di semplicemente ributtante.
L'unica pecca del kanten e' che non e' molto economico, ma suppongo che con questa confezione ne avro' per un bel po'.
Tra l'altro, ultima cosa interessante: la parola kanten in kanji si scrive 寒天. Il significato di questi due kanji e' temperatura fredda, o stagione fredda. Questo perche' l'alga da cui si ottiene l'agar-agar viene raccolta proprio in inverno!

7 commenti:

bunzigirl ha detto...

Un applauso al dado vegetale della Mari!^___^

Erika ha detto...

Il dado vegetale fatto in casa? Che idea stuzzicante :)
Corro subito a leggere la ricetta!
Bacini

Anna lafatina ha detto...

Complimenti davvero per il dado vegetale!!!

Tizy ha detto...

Ciao non so se anche in Giappone si festeggi il primo maggio cmq io ti faccio tanti auguri. Qua si festeggia Sant'Efisio che viene portato in giro per un bel tratto con cavalli canti ecc. é una festa perecchio grande che dura un pò di giorni. Avevo paura la prima volta che volevano farmi salire a cavallo durante la festa. Ma ricordo i lecca-lecca giganteschi che vendevano non riuscivo mai a finirli :).
Beh il mio studio con l'hiragana è a buon punto ora leggo perfettamente quel che scrivi senza pensarci tre giorni come prima :D Le schede le termino oggi però mi è sorto un dubbio e vorrei se ti fa piacere, che mi dessi qualche dritta. La pronuncia...non so se è giusta quella che stò usando io se ti va ti mando le parole come io le pronuncio così mi dici tu se t fa piacere ovviamente. Bellissima l'idea del dado vegetale fatto in casa e fai bene perchè in commercio non si sa mai cosa ci mettono dentro. Le formine per i dolci sono davvero ben fatte. Un bacione e fammi sapere...

biancorosso ha detto...

Ciao Chiara :)
Grazie!!

Ciao Erika,
Innanzitutto, grazie della visita e grazie della bellissima mail che mi hai mandato!
Ti rispondero' presto!
Un abbraccione!
ps. Erika, aspetto che mi racconti del primo maggio e di come si festeggia dalle tue parti! :)
Mi piace moltissimo leggere di usanze e costumi diversi!

Ciao Annina,
Grazie dei complimenti!! :)

Tizy, grazie della visita!! :)
Qui non si festeggia il primo maggio, pero' accetto molto volentieri i tuoi auguri e ricambio di cuore!
Deve essere molto bella la festa di Sant'Efisio! Se riesci, fai qualche foto!
Complimenti per lo studio dell'hiragana e per gli ottimi risultati che hai ottenuto! Non avevo dubbi, e sapevo che saresti stata bravissima!
Saro' piu' che lieta di aiutarti, quindi mandami pure le tue domande via email e ti rispondero' appena possibile.
Un bacione anche a te! Ciao Tiziana!
メールにたのしみしています。
(la prima parola e' meeru in katakana, ossia e-mail).

Bia ha detto...

Ciao! E' un po'che non ti lascio commenti. A quanto pare eravamo pre se tutte e due. ^__^ sto per scriverti una mail. spero arrivi senza problemi.

biancorosso ha detto...

Tizy,
Mi sono appena accorta dell'errore che ho fatto nella mia frase finale che ti ho scritto in hiragana. Che distratta!
Ecco di nuovo la frase corretta:
メールをたのしみにしています。