mercoledì, maggio 05, 2010

Biscottini al matcha

(A sinistra: i miei biscottini al matcha. Tutte le foto di questo articoletto sono opera mia).

Sebbene il barometro mi abbia gentilmente messa al corrente dei 30 gradi centigradi che hanno costretto Sagamihara ad una soffocante anteprima estiva, non sono riuscita a resistere alla tentazione di sperimentare una ricetta appuntata tempo fa su uno di quei foglietti volanti che viaggiano da un punto all'altro della casa per poi stazionare chissa' dove, a prendere polvere.

Non so voi, ma i Post-it ed io non andiamo molto d'accordo. Si', avranno anche la striscia adesiva dietro che permette di appiccicarli ovunque, ma nonostante tutto io riesco comunque a perderli, dimenticandomi quindi di cio' che mi ero appuntata. Invece se, per miracolo, il biglietto non dovesse andar perso allora indubbiamente sara' destinato ad un vagabondaggio domestico della durata di cinque o seimila anni.

Ogni tanto, pero', intervengo io ad interrompere quel girovagare cartaceo facendo spietati repulisti che spesso m'incoraggiano a riempire alla cieca il cestino dell'immondizia, con ogni sorta di foglio, foglietto, fogliettino e fogliettuzzo.

E proprio oggi, durante una di queste lotte contro i Post-it erranti, il mio sguardo si e' posato su un pezzo di carta giallo pallido su cui, probabilmente nel Giurassico, mi annotai, con la mia solita calligrafia disordinata ed incostante, una ricetta per dei biscotti al matcha. L'avevo trascritta durante una delle meravigliose trasmissioni di cucina della NHK, ma l'anatema dei Post-it me l'ha fatta dimenticare...fino ad oggi.

Uno dei vantaggi (o svantaggi, dipende) delle ricette giapponesi e' che spesso utilizzano dosi molto ridotte, il che le rende ideali per chi non ha il desiderio ogni volta di ritrovarsi con una zuppa in quantita' da caserma oppure con un baule di biscotti.
Certo, si puo' sempre ricorrere a semplici operazioni aritmetiche per dimezzare una ricetta qualunque, ma cosi' facendo spesso mi sono ritrovata con risultati non proprio entusiasmanti. Se si trattasse di risolvere operazioni complesse potrei tranquillamente imputare tali insuccessi alle mie deboli abilita' matematiche, ma essendo divisioni elementari mi rendo conto sempre di piu' del fatto che cucinare non e' solo una gloriosa e poetica arte, ma e' soprattutto una scienza che come tale esige una precisione forse non facilmente ottenibile con gli utensili casalinghi.
L'ingrediente protagonista di questa ricetta e' il 抹茶 matcha (o maccha), il pregiatissimo te' giapponese in polvere utilizzato principalmente (ma non solo) in occasione della cerimonia del te'.
Questo particolarissimo te' e' diventato negli ultimi anni un ingrediente noto e di cui tutti parlano; basta consultare brevemente Internet per venire travolti da centinaia e centinaia di proposte gastronomiche che consigliano ogni sorta di prelibatezza impreziosita da un tocco di quella preziosa polvere verde.
Ad essere sincera, pero', io il matcha preferisco berlo che non usarlo come ingrediente. Pur tuttavia, trovo molto invitanti certe preparazioni riviste in chiave smeraldina. Ad esempio, quelli che vi propongo oggi sono dei semplicissimi biscotti a base di zucchero, burro, uova e farina a cui vengono aggiunti alcuni grammi di buon matcha. Insomma, niente accostamenti troppo strampalati.

Per questi biscotti non e' necessario che vi procuriate matcha costosi (quelli cosi' pregiati e' meglio berseli, date retta a me!), ma e' importante comunque che usiate appunto te' matcha, e non normalissimi te' verdi in polvere (e spesso spacciati per matcha).

Con questa ricetta otterrete approssimativamente una trentina di biscottini che, non essendo molto grandi, non rischieranno di rimanere abbandonati in una scatola ad aspettare di trasformarsi in noiosi bocconcini stantii.

Passiamo, dunque, alla ricetta.

Ingredienti:

60g di burro a temperatura ambiente
40g di zucchero semolato
mezzo uovo sbattuto
90g di farina setacciata
5g di te' matcha*

*anche il matcha andrebbe setacciato, pero' non e' obbligatorio.

In un recipiente versare il burro e, usando un cucchiaio di legno, lavorarlo fino a farlo diventare una crema morbida.
Potete lavorare il tutto a mano oppure con un mixer elettrico. A voi la scelta.

Aggiungere un po' per volta lo zucchero e continuare a mescolare bene fino ad ottenere un composto omogeneo.

Un po' per volta aggiungere il mezzo uovo sbattuto, e mischiare tutto per benino.

A questo punto, versare un po' per volta e a pioggia sia la farina setacciata che il matcha. Mescolare molto molto bene.

Dovreste ottenere un impasto simile a questo:
Avvolgere l'impasto in un pezzo di carta trasparente e riporlo in frigorifero per circa venti minuti.
Trascorsi i venti minuti, tirare fuori l'impasto dal frigo, suddividerlo in due porzioni uguali e modellarle piu' o meno in questo modo qui (cetriolo style):
Mettere i due pacchettini nel freezer per altri venti minuti.

Preriscaldare il forno a 180 gradi.

Trascorsi questi altri venti minuti, tirare fuori i due pacchetti e affettare l'impasto in fettine di circa 5mm di spessore.

Adagiare delicatamente i biscottini sopra una teglia rivestita di carta da forno.
Infornare i vostri matcha-kukkii a 180 gradi centigradi, per 13 minuti esatti.

Attenzione a non farli cuocere troppo perche' non solo rischierete di farli seccare eccessivamente, ma ne rovinerete cosi' il brillante colore verde.

Et voila'! I vostri biscottini faranno da accompagnamento ideale ad un buon caffe' oppure una buona tazza di te'.
作ってみて下さいね!
Tsukutte-mite kudasai ne!
Provate a farli anche voi!

20 commenti:

luby ha detto...

devo trovare questo magico ingrediente!voglio i tuoi biscottini!!!!

Alessandra ha detto...

Ahahah!!Un articolo meraviglioso che mi ha messo di buonumore^^
E la voglia di un tè matcha...ne ho conservato un po'!
Sai che ho preso l'abitudine di controllare sul tuo widget che ore sono in giappone quando mi collego?Mi piace...

A presto.

elisagurumi ha detto...

anch'io voglio provarli.. sembrano semplici.. ma il forno deve essere già caldo? suppongo di sì, dal momento che devono cuocere solo 13 min..

biancorosso ha detto...

Ciao Luby! :)
Grazie di essere ritornata a trovarmi.
Chissa' se riesci a trovare del matcha nella tua citta'? Magari in erboristeria opppure in un qualche negozio di alimentari asiatici oppure biologici?
Se proprio non dovessi trovarlo, allora prova col del te' verde magari triturato fine fine fine. Il sapore sara' molto diverso, ma sara' indubbiamente piacevole. :)

Ciao Alessandra,
Che bello rileggerti! :)
Sono i tuoi commenti a mettermi di buonumore!!
Lo trovi facilmente il matcha dalle tua parti? Costa molto?
Se preparerai questi biscottini, spero ti piacciano!
Un abbraccione!

Ciao Elisagurumi,
Grazie della visita e del commento! ;)
Si', sono semplicissimi da preparare questi biscottini..vedrai!
Hai ragione, avrei dovuto essere un po' piu' precisa a proposito del forno (corro a correggere!). Comunque si', va prima riscaldato (sempre a 180).
Ciao ed un saluto! :)

acquaviva ha detto...

Ho già provato a prepararli ma non mi rimanevano di quel bel verde brillate come i tuoi. Ci riproverò seguendo le tue istruzioni... Grazie Mari!

Bunzigirl ha detto...

Wow!In casa usiamo il matcha per fare la pannacotta e il gelato,vengono buonissimi!Presto proveremo a fare anche il tiramisù!^__^
Itadakimasu!

filippettosara ha detto...

veramente golosi! annoterò anch'io questa deliziosa ricetta su qualche foglietto... e dopo aver recuperato il thè adatto... proverò a farli.
sembre bellissimo il tuo blog.
tanti saluti! Sara.

Jul e Mo ha detto...

^^ Già sognamo il Giappone, già acquoliniamo al pensiero della sua vasta e buona cucina... se continui con queste foto poi non te la prendere se ti arriviamo sotto casa a chiedere un pò di biscotti :) he he he buona domenicaaa!!!

Angel ha detto...

Ciao Marianna!
Leggo sempre con piacere il tuo blog.. sei fantastica!Mi infondi buon umore, soprattutto perchè in tutto ciò che fai e scrivi, riesci a trasmettere gioia di vivere..
A presto,ti mando un abbraccio forte!

Angela

artemisia comina ha detto...

sempre un piacere venire a trovarti.

nena ha detto...

Scritto anch'io su un foglietto, non mi resta che cercare il matcha..
Adoro le ricette con pochi ingredienti!
Interessanti anche la panna cotta e il gelato al Matcha, Bunzigirl ci daresti qualche dritta per farli?

Grazie :*

Selena ha detto...

Oggi sono andata a una mostra giapponese qui nel parmense :)
Ho preso qualche bento (spendendo un patrimonio O_O" solo che mi ero innamorata e non potevo non averlo...) una teiera, due tazze per il the molto carine :)...ma passiamo oltre..

Ho partecipato alla cerimonia del the!!! Ho provato l'ebbrezza dei 3 mezzi giri in senso orario, del dolcino zuccherosissimo prima di un the amaro ed erboso ma molto molto buono :9 e inchinarsi e ringraziare dando la tazza. Bello, magico, gentile..infatti il fidanzato è scappato a guardarsi la dimostrazione di kendo -_-

Sperando in un prossimo futuro un giro in quel Giappone che mi piace proprio tanto...

Selena ^*^

mammatopa ha detto...

Ciao! :-)
Leggo questo blog da un po' di tempo, ma è la prima volta che lascio un messaggio, sarà che sono timida di natura...anche su internet!
Mi chiamo Margherita e abito a Torino, anche se spesso sogno di svegliarmi accoccolata su un futon in una casa tradizionale giapponese con il monte Fuji che fa capolino dalla finestra...ahhhh, che meraviglia! ^__^
Leggendo il tuo blog mi sembra veramente di essere in Giappone e respiro per un po' l'atmosfera magica di questa terra lontana, che forse un giorno visiterò, chissà?
Vorrei ringraziarti per il regalo che mi fai ogni volta che scrivi, grazie mille e non smettere mai!

Margherita

PS= domanda molto più...terra a terra, magari un po' stupida: non ho un bilancino di precisione, a cosa corrispondono all'incirca 5 grammi di matcha? Grazie!

ciupy86 ha detto...

Carissima,
è davvero tanto che non commento un tuo articolo..come stai? Io sono molto impegnata con lo studio ma ti leggo sempre! Il tuo blog è un mio piccolo angolo di tranquillità! ^^
Questi biscotti devono essere buonissimi, lo proverò sicuramente appena ricompro il matcha.
un bacione

Momo ha detto...

Dopo il successo delle Bekkoo-ame mi è venuta una gran voglia di provare a fare questi biscotti!!! Se solo riesco a trovare il thè macha... magari posso corrompere la mia amica che è a Londra e farmene portare un pò (di sicuro ha più probabilità di trovarlo lei là che io in Italia)!
Grazie ancora per le belle ricette e i bei racconti dal Giappone! ^__^

Giugiz ha detto...

Ciao!
Ho preso del matcha l'anno scorso (periodo di pasqua) a Tokyo, esattamente quella confezione viola che hai in una delle prime foto.
Solo che, come per i tuoi post-it, è finita nel dimenticatoio. Ne avevo prese due confezioni, una per una mia amica cinese che fa una deliziosa torta al thè verde con "topping" di crema e fagioli rossi: una delizia!
Volevo farla anche io, ma da allora la confezione di Matcha è ancora nell'armadio..
Sicchè l'ho tirata fuori e sul fondo ci sono due date.. mi sa che è scaduta a settembre :S
Secondo te, non essendo mai stata aperta, è ancora utilizzabile..?
Grazie e ciao!

Giulia

c. ha detto...

Ciao Marianna-san!
Questi biscottini sono davvero STREPITOSI!! Li ho fatti ieri, ed oggi sono già finiti ;) Grazie della fantastica ricetta!

Alessandra ha detto...

Cara Marianna,come mio solito non ha funzionato il widget che dovrebbe avvisarmi delle risposte ai miei commenti...e solo adesso leggo il tuo messaggio!!
Non ho ancora fatto nulla con il matcha,tranne berlo...primo perchè mi piace molto puro,e poi perchè qui è difficile trovarlo ed è molto costoso...e quello che ho lo conservo come fosse oro...
Vediamo che ore sono da te..le 7 del mattino!!
Qui è mezzanotte..sarà il caso che chiuda^^??
Ma i biscottini prima o poi li farò,sono troppo carini!

Sayuri ha detto...

ciao...
scusa la domanda un pò sciocca, ma se io mettessi il matcha nella ricetta mia dei biscotti che è lievemente diversa va bene lo stesso o no? anche per i muffin, basta che aggiunga la polvere agli ingredienti solidi e poi procedere come da ricetta? li ho appena sformati e sono buoni, ma ho messo troppo poco matcha che, difatti, non si sente... T.T

Cucina che ti passa - RUMI - ha detto...

Una ricetta particolare e mooolto buona sicuramente! Io amo il giappone e non sdegno nessuno ricetta tipica o che abbia ingredienti giapponesi! Da oggi sono una tua sostenitrice!!