lunedì, luglio 30, 2007

Annindofu con Akiko

Tra ieri e oggi e' venuta giu' tanta di quella pioggia da riempire il letto prosciugato di un oceano!
Stamattina, ad esempio, mi sono alzata e fuori ho trovato un cielo grigio fumo. Dopo poco ho sentito tuoni minacciosi, e dei lampi dispettosi hanno cominciato a cogliermi di sorpresa lanciandomi sprazzi di luce bianca in faccia. Ho una gran paura dei temporali, anche se poi mi piace il rumore della pioggia e l'odore rinfrescante che questa lascia nell'aria.
Ma il rumore dei tuoni mi terrorizza davvero. Stavo dicendo ad Akiko che dalle mie parti (Torino) si dice che quando si sentono i tuoni e' perche' c'e' il diavolo che va in carrozza. Sicuramente esistono poi tante altre "spiegazioni" simili in tutta Italia, ognuna con le sue innumerevoli varianti.
Akiko mi diceva che qui in Giappone , quando ci sono i tuoni, si dice ai bambini che c'e' Oni (una sorta di demonio con le corna e la faccia rossa come un peperone, del folklore nipponico) che sta suonando il tamburo, e che passa a rubare l'ombelico a tutti i bambini cattivi! E i bambini, generalmente, proprio per non istigare ulteriormente l'iroso Oni cercano di comportarsi bene, e nel frattempo si nascondono sotto le coperte perche' il diavoletto non rubacchi gli ombelichi!

Stamattina la mia amica Akiko mi ha portato una sorpresa! Un pacchetto di preparato per fare l'Annindofu!!! Se leggete Biancorosso, vi ricorderete sicuramente dell'articoletto in cui ho parlato di questa squisitezza dalle origini cinesi. Sono rimasta piacevolmente stupita, visto che Akiko non sapeva della mia passione per questo delicatissimo dessert!
Abbiamo preparato insieme l'Annindofu, ed e' stato velocissimo, nonche' ultra facile.
Il pacchetto che vedete in alto e' quello del preparato che mi ha portato Akiko stamattina; e' il Pao-pao Annin! Guardate che carina la cinesina disegnata a sinistra, mentre e' intenta a fare arti marziali!
Dentro il pacchetto ci sono le bustine con la polvere per l'Annindofu, piu' altre bustine per preparare una specie di sciroppo dolce da versare sul dessert prima di servirlo.
Abbiamo versato una bustina di polvere dentro 500ml di acqua calda, e dopo aver mescolato bene abbiamo lasciato che il composto si raffreddasse, dopodiche' l'abbiamo coperto con della pellicola trasparente e abbiamo riposto il contenitore in frigo.
Nel giro di un'ora, un'ora e mezza il composto dovrebbe solidificarsi, fino ad ottenere una consistenza simile a quella di un budino. A questo punto, l'Annindofu va tagliato in pezzetti dalla caratteristica forma a rombo, e va servito con lo sciroppo dolce (che va diluito con acqua), e se si vuole anche della frutta di stagione tagliata a pezzi.
GNAM! Stasera avremo un delizioso Annidofu che ci aspetta nel frigo!

Akiko-san, annindoofu arigatoo gozaimashita!

1 commento:

jaycifer ha detto...

hello..i am here because of a word in my dream i did not understand,( zenzaiabazat)it has been in the back of my mind,for 2years...until earlier ..so i typed it on internet+it led me to here...very strange! its like something is trying to tell me something?? i get this quite often...anyway your desert sounds delightfull ! im not sure what this all means? maybe you can help? maybe you already have ???? honered to be here and i will try to make this recipe myself...my name is jaycifer or jay and thank you for this lovely story and recipe my email is jaycifer@hotmail.co.uk ....