lunedì, luglio 30, 2007

Pranzo ad Ebina-shi


Sabato siamo andati a passeggiare al centro commerciale VinaWalk che c'e' ad Ebina-shi, una delle citta' principali del Kanagawa.
VinaWalk e' davvero un bel posto perche' oltre ad essere pieno di negozi e ristoranti, ha anche un grosso piazzale all'aperto, con panchine e fontane a scomparsa, e quindi e' una delle mete predilette dalle famiglie con bambini e dai nonni con i loro nipotini.
Sabato faceva un caldo atroce, e c'era un'umidita' da strapparsi i capelli, e cosi' abbiamo pensato di andare a fare due passi ad Ebina visto che non e' troppo distante da dove abitiamo, e quindi si poteva andare in macchina senza bisogno di camminare per andare alla stazione del treno.
A VinaWalk c'era tantissima gente, soprattutto famigliole con bambini che giocavano nel grande piazzale del centro commerciale. Le fontane erano state prese d'assalto da bambini di tutte le eta' che si divertivano a giocherellare con l'acqua.

Ecco una veduta di VinaWalk:
Sulla destra, come avrete sicuramente notato, c'e' un ristorante italiano della catena La Pausa. Alla Pausa si mangia davvero bene, e non si spende troppo. Le pizze sono un po' diverse da quelle italiane, ma i vari tipi di pastasciutta e minestre che hanno sul menu' sono eccellenti davvero! Pensate che preparano persino delle crocchette ripiene di brie! Solo a pensarci mi viene un'acquolina in bocca incredibile! Comunque hanno un menu' vario ed assortito: primi, secondi, pizze, contorni, insalate piu' tantissimi dolci!
In mezzo vedete una parte del piazzale di cui parlavo poco fa, e dirimpetto alla Pausa c'e' l'edificio della OIOI Family, un grande magazzino di abbigliamento, scarpe, casalinghi, cosmetici, ecc. All'ultimo piano dell'OIOI Family ci sono diversi ristoranti.
Generalmente gli edifici giapponesi dedicati allo shopping ospitano sempre i ristoranti all'ultimo piano, in modo che i locali possano godere di un bel panorama da offrire ai propri clienti, e in modo che il piano stesso in cui sono situati i ristoranti non debba essere troppo trafficato dagli immensi viavai di gente che fa shopping.

Proprio all'ultimo piano dell'OIOI Family c'e' una soba-ya dove siamo andati a pranzare. Con il caldo e l'umidita' che c'e' qui ora viene solo voglia di mangiare soba, insalate di riso o panini; insomma, nulla di caldo e nemmeno di tiepido! Io ho ordinato questa zaru-soba che vedete nella foto:
A destra, quindi, c'e' lo zaru con la soba fredda guarnita da striscioline di nori. A sinistra in alto c'e' una scodella coperta con dentro del riso con verdure. E nella coppetta rossa e nera c'e' la sobatsuyu, ovvero la salsina in cui intingere la soba. Ed infine, nel piattino in basso a sinistra ci sono delle verdure sottaceto.
In basso a destra, invece, s'intravede una piccola grattugia con sopra un pezzo di radice di wasabi!
Lo sapete che nella maggior parte dei ristoranti giapponesi (sia in Giappone che all'estero) non viene servito il vero wasabi (cioe' la radice da grattugiare), ma viene servita la pasta di wasabi, che non e' altro che un'imitazione dello stesso?
La pasta di finto wasabi e' generalmente a base di polvere di rafano e coloranti verdi, ma contiene poche (o addirittura nessuna) traccia di vero wasabi!
Quindi, molto probabilmente siete stati in ristoranti giapponesi e avete assaggiato un briciolino microscopico di quella pasta verde brillante che anziche' bruciare la lingua, crea un bruciore incendiario nel naso che dura solo pochi secondi, ma e' capace di far lacrimare gli occhi e di togliere il respiro.
Ebbene, quello che avete mangiato molto probabilmente e' pasta di wasabi, ma non vero wasabi. Il vero wasabi (che i giapponesi chiamano hon-wasabi 本わさび) si presenta sotto forma di radice verde.
Il wasabi e' una pianta acquatica, ma puo' essere anche coltivata nel terreno. La radici acquatiche, pero', prendono un sapore migliore e decisamente piu' pronunciato e ricercato.

Le radici di wasabi sono molto costose perche' sono difficili da raccogliere, specialmente se queste provengono da fiumi ed altri corsi d'acqua dove non sono praticate coltivazioni.
Al giorno d'oggi, pero', esistono molte coltivazioni di wasabi qui in Giappone, anche se pero' il prezzo di queste radici continua a rimanere alto, e sicuramente troppo proibitivo ai piu'. Questo e' il motivo per cui la pasta di finto wasabi e' diffusissima.
Le vere radici di wasabi, quindi, rimangono un privilegio culinario per pochi ristoranti e per pochi buongustai.
Pensate che persino nei supermercati e' difficile trovare le radici di wasabi! Sono cosi' costose che sarebbero veramente in pochi a comprarle! Mi ricordo che una volta da Maruetsu abbiamo chiesto ad un addetto se avevano le radici di wasabi, e questo ci ha guardato con un'aria stralunata come se gli avessimo chiesto dove fosse il reparto serpenti canditi! Infatti, ci ha poi portato nella corsia dei condimenti e delle spezie dove regnano sovrani i tubetti di finto wasabi.

Il lungo prologo wasabesco era per farvi capire quanto grande sia il privilegio che si ha di poter utilizzare del wasabi fresco a tavola! E soprattutto, quanto sia un privilegio trovare un ristorante che vi offra questo prezioso condimento. Uno di questi e' la soba-ya ad Ebina. Siamo gia' stati li' una volta, sempre a pranzo, ed ero rimasta estremamente stupita nel vedere la radice di wasabi servita con la soba, assieme all'oroshigane, o piccola grattugia per wasabi.
Sui tavoli della soba-ya di Ebina ci sono piccoli sacchetti con su scritto Nama wasabi (wasabi fresco) che servono per portarsi a casa la radice dopo aver finito di mangiare. Essendo un ingrediente cosi' costoso, e' davvero un peccato buttarlo via se non e' stato ancora consumato. Ecco che il ristorante da' la possibilita' di portarsi a casa un po' del loro wasabi.
Infatti ho subito colto l'occasione!
Gia' qualche settimana fa mi sono comprata un'oroshigane, per cui sono attrezzatissima!
Tra l'altro pensate che la differenza di sapore tra il vero wasabi e il suo surrogato e' abbastanza notevole! La sensazione d'incendio nel naso che si prova assaggiando una puntina quasi invisibile di finto wasabi penso sia difficile da dimenticare. Il sapore del wasabi fresco, pero', pur essendo piccantello non e' per niente aggressivo, anzi, e' molto piu' delicato e leggero.

Tornando alla soba, oramai non vi devo piu' spiegare cos'e' e come si mangia (se volete saperne di piu', andate a leggervi il mio articoletto intitolato Soba: il perfetto cibo estivo).
A fine pasto la cameriera mi ha portato una teiera con l'acqua di cottura della soba. Se vi ricordate, quest'acqua si versa nel vasetto della sobatsuyu e si diluisce quindi la salsina, ottenendo una sorta di brodino leggero e piacevolissimo da bere.
Itadakimasu!!!

Oltre al pranzo, abbiamo fatto anche merenda ad Ebina! Ma per sapere che delizie abbiamo gustato, dovrete aspettare il prossimo articoletto!

8 commenti:

Anonimo ha detto...

che belli, i tuoi racconti!!!
ciao da Uva

K & S ha detto...

My friend likes that soba place because they give you bags to take home your leftover wasabi :)

biancorosso ha detto...

Kat, I feel the same way! I was so surprised to find fresh wasabi there! I've been having such a hard time finding it at the grocery store. Can you find it easily there in Osaka?
I've looked in regular grocery stores like Maruetsu, UNY, Daiei, and a few others, but I've had no luck finding it!

K & S ha detto...

I don't always see it in the markets, so maybe it is seasonal? I'm not so sure. Try Seijo Ishii, if you have one, the more ritzy grocery shops should have it on hand.

Silvia ha detto...

Ciao Scia, leggo sempre con piacere il tuo blog. Davvero interessante, soprattutto quando parli di cibo! :)

Leaf.

biancorosso ha detto...

Kat, I think there is a Seijo Ishii around here; I'll go check it out! I think you're right: expensive grocery stores are more likely to carry it than regular ones. Thank you again for visiting my blog, Kat!

Ciao Silvia! Grazie per essere passata a trovarmi! Sono contenta che ti piaccia il mio blogghino, e siccome parlo spesso di mangiare..mi raccomando, torna spesso a trovarmi! :)

Anonimo ha detto...

Ciao il Nonno si fa vivo?
Bello questo blogger mi piace e ti faccio tanti complimenti.Questa e
sempre stata la mia passione per il
Giappone.Ti Saluto e arriciao

biancorosso ha detto...

Ciao nonno! Grazie d'essere venuto a trovarmi sul mio blogghino! Torna spesso eh!
Ti manderemo quelle cose che volevi al piu' presto! Ciao nonno, ancora grazie della visita!